Lo studio, pubblicato su Nature Astronomy, e guidato da Aldo Bonomo dell’ Osservatorio Astrofisico di Torino ha rilevato la profonda diversit√† nella composizione interna dei due esopianeti probabilmente dovuta a un impatto gigante avvenuto nelle prime fasi della loro formazione. La notizia su Media Inaf